L’evento si propone di sensibilizzare e di promuovere un dialogo tra cittadinanza, albergatori ed istituzioni comunali sulla sostenibilità delle strutture ricettive alberghiere veneziane al fine di rispondere alla emergenza globale relativa all’uso sconsiderato e conseguente abbandono delle plastiche nell’ambiente circostante ed alla necessità di porre in essere soluzioni per ridurre od eliminarne l’impiego, così come previsto dalla recente direttiva europea e dalle decisioni gella giunta comunale di Venezia.
L’incontro con la cittadinanza ed addetti ai lavori, si terrà il giorno 20 Settembre presso l’Hotel Ca’ Sagredo all’interno dell’iconico Palazzo trecentesco Morosini Sagredo, sul Canal Grande. Gli spazi resi gentilmente disponibili da A.V.A., ospiteranno quali relatori, albergatori veneziani che hanno intrapreso un percorso di buone pratiche per la riduzione delle plastiche monouso e per una maggiore sostenibilità nella gestione dei propri alberghi.
Il dibattito si arricchirà con la condivisione di alcuni interessanti dati preliminari relativi a campionamenti effettuati nelle acque del canal Grande, prospicenti a Ca’ Sagredo e del porto di Lido di Venezia con relativa analisi chimica degli inquinanti derivanti dalle microplastiche, condotta dall’Istituto Tecnico e Tecnologico Montani di Fermo.
Chiuderà il programma il vicepresidente di Green Building Council Italia, introducendo il ruolo significativo svolto dalle nuove certificazioni di sostenibilità ambientale applicate agli edifici storici con relativo impatto anche nella produzione e gestione dei rifiuti.
Plastic Free Venice lagoon intende creare uno spazio comune accessibile ad ogni attore pubblico e privato, singoli cittadini, enti scientifici e di ricerca, così come dell’associazionismo locale per approfondire, sensibilizzare la pubblica opinione sull’impatto dei rifiuti plastici nell’ambiente e su soluzioni possibili all’interno di un più vasto contesto di sostenibilità applicato alla economia, alle risorse naturali e culturali e dei beni comuni.

 

Scarica il PDF per la versione completa

Download PDF